Gli orologi a 6 ore di Roma…con viaggiandoValDi


Gli orologi  a sei ore, “cosiddetti alla romana”….sapete perché?
 
Prima di tutto iniziamo con il dire che questi orologi non riportano la tradizionale suddivisione del tempo in XII ore, ma in VI.
Sono orologi solari, che indicavano, al suono delle campane, le antiche Ore Italiche  adottate, a Roma, dalla Chiesa verso la fine del XIII secolo.
Queste Ore venivano scandite considerando l’inizio della misurazione del tempo dall’Avemaria della sera, poco dopo il tramonto, e non più dalla mezzanotte, come era consuetudine.
Erano quindi necessari quattro giri completi della lancetta per arrivare a segnare le 24 ore, suddividendo così la giornata in quattro intervalli dal 6 ore ciascuno.
Per garantire una migliore comprensione dell’ora, era anche prevista la cosiddetta ribotta: dopo circa un minuto, si ripeteva lo stesso numero di rintocchi per rendere così comprensibile l’ora anche per i più distratti.
 Successivamente, ci fu l’invasione delle truppe napoleoniche nel territorio italiano che portò all’introduzione delle ore dette Oltramontane o alla Francese, in cui la giornata iniziava con la mezzanotte ed era divisa in due intervalli di dodici ore.
Questo tipo di conteggio del tempo, in breve, venne adottato in tutta Europa.
Lo stato pontificio, una volta allontanati i francesi, tentò di ripristinare l’antica misurazione del tempo, secondo le Ore Italiche, ma fu costretto a rinunciarvi, adottando a sua volta quello che era ormai divenuto un metodo di conteggio universale.
 Prima di entrare nel dettaglio, ripercorriamo però insieme la storia e la nascita dell’orologio.
Le prime misurazioni del tempo avvenivano attraverso le meridiane secondo cui la suddivisione sufficientemente precisa del periodo di tempo era compresa fra l’alba e il tramonto, variabile in lunghezze con il variare delle stagioni.
horologium Augusti
A partire dagli Egizi, per passare poi ai greci, queste vennero sostituite con le clessidre per giungere poi ad una misurazione ancora più precisa ed affidabile attraverso gli orologi ad acqua.
 A Roma ValDi ne ha scovato uno, l’ idrocronometro del Pincio:

idrocronometro - Pincio - Villa Borghese - Roma

 Inventato da padre Giovan Battista Embriaco nel 1867 e presentato all’Esposizione Universale di Parigi, nel 1873 fu collocato a Villa Borghese all’interno di una fontana realizzata appositamente per ospitarlo.
Ha la forma di una torretta lignea di ghisa fusa per richiamare ed imitare i tronchi d’albero. I quattro quadranti dell’ora sono visibili da ogni direzione.
Recentemente, nel 2007, è stato ristrutturato e rimesso in opera.
 Ora però, iniziamo con i nostri orologi a sei ore.
A Roma, se ne trovato parecchi….molti pubblici,  visibili direttamente dall’esterno, altri conservati all’interno di cortili di chiese o di palazzi.
Ecco quelli che ValDi ha scovato per voi:

Roma - Chiesa S. Maria in Montesanto - Piazza del Popolo

Roma - Chiesa S. Maria in Montesanto

Questo è il primo orologio che abbiamo trovato, lo potrete ammirare alzando lo sguardo sulla parete della chiesa S.Maria in Montesanto,  che da Piazza del Popolo prosegue su Via del Corso.
Poco distante, sempre su Via del Corso, al civico 518, trovere un altro meraviglioso orologio a sei ore.
Questo, purtroppo, si trova all’interno del cortile di Palazzo Rondinini che ospita il Circolo degli Scacchi.
Trovate il modo di entrare perchè merita davvero.

Palazzo Rondinini - Circolo degli Scacchi

cortile interno del Circolo

Proseguite per il centro, ne troverete altri 2.

...pedalando...

Il primo è all’interno del cortile della Chiesa Sant’Andrea delle Fratte.
Fortunatamente, nonostante non stia su strada, questo orologio è facilmente visibile tutti i giorni. Per accedervi dovete però entrare in Chiesa.

cortile interno - Chiesa Sant'Andrea delle Fratte

Il secondo è quello del Collegio Romano:

Collegio Romano - Roma

Lasciato il centro, ci spostiamo intorno a San Pietro. Sembra che gli orologi che si trovano sulla Basilica fossero a sei ore, come anche quello sulla Chiesa di Sant’Agnese in Agone (Piazza Navona).
In Via di Borgo Santo Spirito ne troverete ben due, uno più bello dell’altro.
Il primo è nascosto all’interno dell’USL, presso l’Ospedale di S. Spirito –  Palazzo del Commendatore. E’ quindi possibile vederlo solo nei giorni feriali, quando gli uffici sono aperti.

Ospedale di S. Spirito - Palazzo del Commendatore

Ospedale di S. Spirito - Palazzo del Commendatore

In Via di Borgo Santo Spirito 73 potrete ammirare il secondo.
Si trova all’interno del cortile posteriore del Columbus Hotel, un posticino veramente delizioso.
L’Orologio, anzi in questo caso la meridiana, è molto, molto bella.

cortile Columbus Hotel

Prima di lasciare la via, e raggiungere il penultimo orologio, vi regaliamo una piccola chicca: poco distante, praticamente sul lato opposto della strada si trova il Complesso Monumentale di Santo Spirito in Saxia ( Borgo Santo spirito, 1) …vale davvero la pena visitarlo…prenotando però!
ValDi è riuscita comunque ad intrufolarsi….

Complesso Monumentale di Santo Spirito in Saxia

Complesso Monumentale di Santo Spirito in Saxia

 Il nostro itinerario prosegue…prossima tappa trastevere…
Penultimo orologio, quello della Chiesa S. Maria dell’Orto.
Non è stato facilissimo da trovare….ma grazie ai consigli della signora Adriana, trasteverina doc, ce l’abbiamo fatta!

Chiesa S. Maria dell’Orto - Trastevere

Ultimo, ma non per importanza, l’orologio a sei ore del Quirinale.

Quirinale

ValDi gruppo!

Per il momento la nostra ricerca finisce qui…se anche dalle vostre parti ci sono orologi a sei ore, inviateci le foto….verranno subito pubblicate!!!
Questa voce è stata pubblicata in In bici... e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

15 risposte a Gli orologi a 6 ore di Roma…con viaggiandoValDi

  1. hammudi ha detto:

    me hanno detto che il giro questa volta si fa per gli orologi di roma !!! e sicome non sono italiano ho chiesto ma esistono gli orologi a roma!? eccola la risposta da valdi.
    l’articolo assai intressante e le photo molto belle, grazie valdi, e alla prossima scoperta.

  2. Rugiada ha detto:

    Bellissimo…davvero interessante… quante sorprese ci riserva Roma???!!! Brave..!!!! ancora faccio difficoltà a capire come calcolare l’ora..però grazie di queste scoperte!!!!;-)
    un Valdi-bacio a tutte e due!!!!

  3. Nausicaa ha detto:

    …letto tutto con curiosità!!!!
    STUPENDO e davvero interessante!!!
    ma dico io…ma Valdi non poteva nascere prima???
    storia di roma con i vostri occhi…divertente…interessante…e ricca di sorprese!

    …Valdigrazie!

    vi saluto perche sono le ore…mmm…dunque sono le 13:23 a.m…quindi con sei ore…mmmm le 7:23?aahahah UN VALDI-AIUTO!!!!!!:)

  4. salvatore ha detto:

    Io sono entusiasta.
    Propongo un quiz per tutti: ricordo che le sei ore erano legate all’Angelus e variavano ogni 6 ore per tre volte al giorno; Iniziava all’Avemaria della mattina ORE 6 poi alle ORE 12 e l’ultima (quella giustamente evidenziata da VALDI) elle ORE 18.
    Allora, per esempio, alle attuali 22 che ora era?
    Io dico le quattro e Voi?
    E le 15 che ora era?

  5. Pingback: Gli orologi a 6 ore di Roma…con viaggiandoValDi | viaggiandoValDi

  6. Alessandro ha detto:

    Ad Anacapri è presente un antico orologio a sei ore del ‘600, più antico e meno conosciuto dell’altro, a 12 ore, in cima al campanile della Piazzetta di Capri. Vi invierò volentieri delle foto!!

  7. Pingback: Un orologio a sei ore di Napoli | viaggiandoValDi

  8. Molto interessante, non ci avevo nemmeno fatto mai caso.
    Grazie!

  9. Nicola ha detto:

    Avete fatto un “pochino” di confusione con gli orologi a sei ore, ma il reportage fotografico degli stessi, sullo sfondo delle bici in primo piano è una cosa simpaticissima che non avevo non solo mai visto, ma neppure mai pensata! Complimenti al gruppo!

  10. viaggiandoValDi ha detto:

    Grazie Nicola, è davvero un piacere ricevere un tuo commento sugli orologi a sei ore e sarà nostra premura verificare e rettificare dove necessario la confusione sull’argomento.
    Bene accetto ovviamente ogni tuo commento o suggerimento…

  11. lia ha detto:

    Sulla facciata del Palazzo Pontificio di Castel Gandolfo c’è un orologio alla romana

  12. Bruno ha detto:

    La Chiesa di Santa Maria del Balzo a Musellaro (PE) ne conserva uno.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...