48 h a Padova

img_20161030_184540

« Per il grande desiderio che avevo
di vedere la Bella Padova, culla delle arti, sono arrivato…
ed a Padova sono venuto, come chi lascia uno stagno
per tuffarsi nel mare, ed a sazietà cerca di placare la sua sete.. »

« For the great desire I had to see
fair Padua, nursery of arts, I am arrived…
and am to Padua come, as he that leaves
a shallow plash to plunge in the deep, and
with satiety seeks to quench his thirst. »

(William Shakespeare, La bisbetica domata, Atto 1, Scena 1)

E come ogni anno, per festeggiare i nostri compleanni, ci siamo regalate un bel viaggetto.

Dopo i Paesi Baschi, Ferrara, Perugia e Todi,  anche quest’anno siamo rimaste in Italia e abbiamo scelto Padova!

E’ stato un weekend mordi e fuggi, con un clima a dir poco perfetto; breve ma intenso per scoprire una città davvero deliziosa.

Da Roma, in treno, è comodissima da raggiungere: 3 h e 20 min, diretto…una favola. Per dormire abbiamo scelto gli alloggi Pontecorvo, direttamente gestiti dall’Hotel Giotto. Comodi, puliti  e posizionati perfettamente in centro….a piedi si raggiunge tutto.

Inutile dire che la prima cosa che siamo andate a vedere è stata la Cappella degli Scrovegni, il capolavoro, opera di Giotto.

And like every year, to celebrate our birthdays, we organized a nice little trip.

After Spain, Ferrara, Perugia and Todi, this year we stayed in Italy again and we chose Padova!

It was a short but intense weekend: perfect to discover a really lovely city.

From Rome, by train, it is easy to reach: 3 h and 20 min, direct. To sleep we chose the Pontecorvo’s accommodations , directly managed by Hotel Giotto. Comfortable, clean and perfectly situated in the center.

Needless to say, the first thing we went to see was the Scrovegni Chapel, the masterpiece by Giotto.

img_20161029_165545

Importante sapere che la visita va prenotata, almeno un giorno prima per il giorno dopo; non è possibile prenotare per il giorno stesso (www.cappelladegliscrovegni.it).

Noi abbiamo acquistato, sempre via internet, anche la padovacard, che si è rivelata conveniente, soprattutto se avete intenzione di visitare anche le altre attrazioni turistiche che la città offre.

Torniamo però alla Cappella degli Scrovegni…pensate che Giotto ci mise solo due anni per realizzarla, dal 1303 al 1305. L’incarico gli venne affidato da Enrico Scrovegni per riscattare l’anima del padre, Reginaldo Scrovegni, banchiere ed usuraio che di cose ne aveva da farsi perdonare. Personaggio famoso e temuto, Dante lo collocherà nel girone dell’Inferno, nella sua Divina Commedia.

Interamente dipinta, la Cappella vi incanterà. Il cielo stellato sul soffitto, le storie della Vergine e di Cristo sulle pareti ed il grandioso Giudizio Universale sulla controfacciata vi lasceranno a bocca aperta per lo stupore.

The visit must be booked at least one day before; you can not book the ticket for the same day of the visit (www.cappelladegliscrovegni.it).

We purchased, by internet, also the PadovaCard, which proved to be convenient, especially if you plan to visit other tourist attractions that the city offers.

But let us return to the Scrovegni Chapel: Giotto painted it in only two years, from 1303 to 1305. The task was commissioned by Enrico Scrovegni to redeem the soul of his father, Reginaldo Scrovegni, unscrupulous banker and money lender (Dante insert him in the circle of Hell in his Divine Comedy).

Entirely painted, the Chapel will enchant you. The starry sky on the ceiling, the stories of the Virgin and Christ on the walls and the magnificent Last Judgement will leave you open-mouthed in amazement.

img_20161029_165709

img_20161029_165612

img_20161029_145259_burst002

img_20161029_145824

img_20161029_145635

Soddisfatte, ci inoltriamo verso il centro storico di Padova e ci perdiamo, senza meta, tra bellissime piazze e deliziosi vicoli. Piccolo e ben curato…è davvero un gioiellino.

Piazza delle Erbe e Piazza della Frutta, con i loro vivaci mercati, sono le prime che visitiamo, spinte soprattutto dalla fame.

Satisfied , we move into the historic center of Padua. Small and well cared for … it really is a gem.

Piazza delle Erbe and Piazza della Frutta, with their lively markets, are the first that we visit, maybe driven by hunger!

img_20161102_083922

img_20161102_083804

img_20161102_083904

Un bel panino con prosciutto cotto,  “porchettato” se così possiamo dire, e Kren …birretta e via! (che cos’è il Kren? noi lo abbiamo scoperto lì….non è altro che rafano grattugiato direttamente sul panino…un mix di sapori tra lo zenzero ed il wasabi…non male!)

A nice sandwich with ham and Kren and beer … and go! (What is Kren? it is nothing more than grated horseradish directly on the sandwich … a mix of flavors including ginger and wasabi … not bad!)

img_20161029_130508

A dividere queste due bellissime piazze, c’è il Palazzo della Ragione, altrettanto affascinante e considerato il simbolo della città. I padovani lo chiamano anche il Salone, per via dell’enorme sala al suo interno, lunga ben 80 metri e larga 27; è considerata la più grande d’Europa.

In the middle of these two beautiful squares, there is the Palazzo della Ragione, equally fascinating and considered the symbol of the city. At the first floor there is an enormous hall,  long 80 meters wide and 27; It is considered the largest in Europe.

dscn9961

dscn9967

Il soffitto, completamente in legno, ricorda la forma di una carena di nave rovesciata.

Le pareti sono interamente affrescate con motivi per lo più astrologici. Gli affreschi originali, opera di Giotto, andarono distrutti nell’incendio del 1420.

The ceiling, made entirely of wood, resembles the shape of an overturned ship’s hull.

The walls are entirely painted with designs mostly astrological. The original frescoes, Giotto’s work, were destroyed in 1420.

dscn9974

All’interno della sala è impossibile non notare l’imponente cavallo ligneo donato al Comune nel 1837 dalla famiglia Capodilista che lo fece realizzare per una giostra o un torneo qualche anno prima.

Inside the room, there is a massive wooden horse donated to the town, in 1837, by Capodilista family.

dscn9966

Sempre all’interno, dal lato opposto, si trova la cosiddetta Pietra del Vituperio, su cui i debitori insolventi erano obbligati a sedersi per tre volte, dopo essersi spogliati (la pratica è all’origine dell’espressione restar in braghe de tea).

Also inside, on the opposite side, there is the so-called Stone of Vituperio, on which insolvent debtors were forced to sit three times, after being stripped.

dscn9971

Per accedere la salone, si passa dalla scalinata di Piazza delle Erbe, dall’alto della quale potete godervi una bella vista.

The access to the hall is by the staircase  of Piazza delle Erbe, from which you can enjoy a beautiful view.

dscn9980

dscn9981

Il passaggio che collega le due piazze è detto Volto della Corda: qui, in passato, i bugiardi, i falliti, gli imbroglioni, i debitori insolventi venivano colpiti sulla schiena con una corda. Come monito ad essere onesti, le corde venivano lasciate appese a cinque anelli infissi nel muro.

L’angolo posto sotto al Volto della Corda prende il nome di Canton delle busie (angolo delle bugie) perché vi avvenivano gli incontri e le trattative tra i commercianti.

Poco distante da queste due piazze si trova i Duomo, con il suo bellissimo Battistero. Vi consigliamo vivamente di visitare quest’ultimo perchè merita davvero….guardate un po’:

The passage which connects the two squares is called Volto della Corda: here, in the past, the liars, the cheaters, insolvent debtors were hit on his back with a rope. As a warning to be honest, the ropes were left hanging to five rings in the wall fixtures.

The corner under the Volto della Corda is called the Canton of busie (corner of lies) because there, in the past, meetings and negotiations among traders took place.

Not far from these two squares, there is the Duomo, with its beautiful Baptistery that we strongly advise you to visit, because it really deserves:

img_20161030_185052

Il Battistero, interamente affrescato, è considerato il capolavoro di Giusto de’ Menabuoi.

The Baptistery, entirely frescoed,  is considered the masterpiece of Giusto de ‘Menabuoi.

img_20161030_184610

img_20161030_130003

Accanto al Duomo, si trova poi il Palazzo Vescovile. Se avete tempo fateci un salto, soprattutto per visitare il Salone dei Vescovi.

Next to the cathedral, there is the Bishop’s Palace. If you have time, visit it, especially the Hall of Bishops.

dscn9996

Padova merita assolutamente di essere visitata anche a piedi, scoprendola nei suoi angoli più nascosti, ammirandone gli scorci, soprattutto quelli lungo i canali, elemento essenziale della città.

Padua absolutely deserves to be visited on foot, discovering it in its most hidden corners, especially those along the canals, an essential element of the city.

dscn9960

Arrivate anche alla Torre della Specola.

Oggi sede dell’Osservatorio astronomico dell’Università di Padova, viene ricordata essenzialmente per i fatti di crudeltà legati alla tirannia di Ezzelino III da Romano. pare infatti che proprio qui il tiranno teneva rinchiusi e torturava i suoi prigionieri.

Arrive also at the Tower of the Observatory (Torre della Specola).

Now the seat of the Astronomical Observatory of the University of Padua, is remembered primarily for the facts of cruelty linked to the tyranny of Ezzelino III da Romano. It seems that here the tyrant kept locked up and tortured his prisoners.

img_20161030_162242

Ogni dettaglio qui fa la differenza…

Here, every detail makes a difference ….

dscn9988

dscn9957

dscn9955

dscn9947

img_20161102_083829

img_20161030_171918_001_cover
Caffè Pedrocchi

img_20161102_083945

Passeggiando capiterete senz’altro sotto qualche portico.

Motivo di orgoglio della città, Padova è la terza dopo Torino e Bologna per il più alto coefficiente tra i chilometri di strade e quelli dei portici.

Padua is full of porches.

This is a pride for the city: Padua, in fact, is the third, after Turin and Bologna, for the highest ratio between kilometers of roads and those of the porches.

img_20161030_225222

Tra una passeggiata e l’altra, vale la pena arrivare fino all’Orto Botanico, fondato nel 1545. E’uno dei più antichi del mondo, inserito nella lista dei patrimoni dell’umanità dall’Unesco.

Between a walk and another, it is worthwhile going to the Botanical Garden, founded in 1545. It is one of the oldest in the world, included in the World Heritage List by UNESCO.

img_20161030_104254

img_20161030_112227

Nato essenzialmente per la coltivazione di piante medicinali, oggi è riuscito a coniugare perfettamente passato e presente: il Giardino della Biodiversità ne è un chiaro esempio.  Una serie di serre che riproducono diversi ambienti climatici, offrono ai visitatori la possibilità di comprendere in maniera più coinvolgente quanto succedere nel nostro pianeta.

Born primarily for the cultivation of medicinal plants,  now it’s able to combine perfectly the past and the present: the Biodiversity’s Garden is a perfect example. A series of greenhouses that reproduce different climatic environments, offer visitors the possibility of understanding what happens in our planet.

dscn9944

img_20161030_105241

img_20161030_110611

Impossibile parlare di Padova e non nominare il Santo, così come lo chiamano loro.

La Basilica di Sant’Antonio va visitata. Meta di pellegrinaggio di moltissimi fedeli, conserva al suo interno le reliquie del Santo.

Imponente all’esterno e molto bella al suo interno.

Impossible to speak about Padova and not appoint the Holy, as they call him.

The Basilica of Saint Anthony should be visited. Destination of pilgrimage of many faithful, it houses the relics of the saint.

Imposing on the outside and very beautiful inside.

img_20161030_094521

Prato della Valle è considerata la Piazza più grande d’Europa…ed in effetti non si fa fatica a crederci.

Prato della Valle is considered the largest square in Europe.

dscn9953

Sorge sui resti di un antico teatro romano, il teatro Zairo, ed è costituita da un’isola centrale, detta Isola Memmia, in onore di colui che ne commissionò la costruzione. Tutto intorno scorre un canale, abbellito con 78 statue di personaggi famosi.

It stands on the ruins of an ancient Roman theater, the Zairo theater, and consists of a central island, known Memmia Island, in honor of the man who commissioned the building. Around the island there is a canal, graced with 78 statues of famous people.

dscn9956

dscn9952

Eccovi dunque un primo assaggio di Padova…

alla prossima…😉

So here’s our Padova …

see you soon …;-)

dscn9985

Questa voce è stata pubblicata in Viaggiando... e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...