Grecia continentale…inizia il viaggio!

greece_viaggiandovaldi

Ormai è quasi passato un anno da questa vacanza ma, pubblicando adesso il post, ci auguriamo che possa essere utile per farvi qualche idea circa la prossima estate.

It’s almost been a year since this vacation, but publishing this post now, we hope it will be helpful to give you some idea about the next summer.

Il viaggio, in realtà, è stato deciso all’ultimo, inizialmente i nostri progetti erano ben altri. Alla fine, per una serie di motivi, ci siamo ritrovati in Grecia e mai scelta fu più saggia….questo paese si è rivelato una bellissima sorpresa!

The trip was decided at the last, initially our plans were very different. At the end, for a number of reasons, we ended up in Greece and all has been amazing… a wonderful surprise!

grecia_viaggiandovaldi

18 gg, ovviamente di perenne movimento, ci hanno permesso di conoscere da vicino un paese affascinante che, sbagliando, avevamo sottovalutato.

Partenza il 1 agosto da Roma con volo diretto a Salonicco; noleggio auto e via, pronti a cominciare la vacanza.

A Salonicco abbiamo passato solo una notte, soggiornando all’Hotel Pella, molto comodo per la sua posizione. Il tempo è stato comunque sufficiente per farci un’idea della città.

18 days to get to know a fascinating country which, mistakenly, we had underestimated.

We started from Rome, on the 1 of August, from Rome, with direct flight to Thessaloniki. There, we only spent one night at Hotel Pella, very convenient for its location. The time was still good enough to get an idea of the city.

grecia_salonicco_viaggiandovaldi

Thessaloniki, così come la chiamano, è la seconda città della Grecia per numero di abitanti, per lo più giovani anche per via dell’università (la seconda dopo quella di Atene), ed è un importante polo industriale e commerciale.

La Torre Bianca rappresenta il monumento simbolo della città.

Thessaloniki, as is called, is the second city of Greece by population, mostly young specially because of the university (the second after that of Athens), and is an important industrial and commercial center.

The White Tower is the symbol of the city.

grecia_salonicco_viaggiandovaldi

La Torre si trova nei pressi del lungomare, dove è molto carino passeggiare.

Edificata nel XV secolo, fu in seguito utilizzata dai Giannizzeri come posto di guardia e come prigione per i condannati a morte. Fu chiamata anche Torre del Sangue per via delle torture che vi si eseguivano al suo interno sui condannati a morte, riempiendone le mura di sangue.

Nel 1890, un prigioniero della torre, condannato all’ergastolo, la imbiancò tutta in cambio della libertà. Da quel momento viene chiamata  la Torre Bianca.

The Tower is located close to the seafront, very nice for walking.

Built in the fifteenth century, was later used by the Janissaries as a watchtower and as a prison for those condemned to death. It was also called Tower of Blood because of torture that were performed inside on death row, filling the walls with blood.

In 1890, a prisoner of the tower, sentenced to life imprisonment, has whitened all the tower in exchange for freedom. From that moment it is called the White Tower.

grecia_salonicco_viaggiandovaldi

Passeggiando, non sarà difficile cogliere le numerose influenze del passato e non, che oggi la rendono la città cosmopolita che è. Un mix di Europa ed Asia, con un passato ricco di storia.

Walking, will not be difficult to grasp the many influences of the past, and not, that today make Salonicco the cosmopolitan city that it is. A mix of Europe and Asia, with a rich history.

grecia_salonicco_viaggiandovaldi

Salonicco_viaggiandovaldi

grecia_salonicco_viaggiandovaldi

grecia_salonicco_viaggiandovaldi

grecia_salonicco_viaggiandovaldi

Salonicco_viaggiandovaldi

grecia_salonicco_viaggiandovaldi

La città, dedicata alla regina Tessalonica, sorella di Alessandro Magno, fu fondata nel IV sec. a.C., dal suo consorte re Cassandro I di Macedonia.

La sua posizione strategica, lungo la rotta dall’Europa all’Asia, ne ha favorito la crescita e lo sviluppo.

Numerosi sono i resti romani che occupano grandi aree della città. I romani, infatti, colsero fin da subito l’alto potenziale che la città e la sua posizione potevano offrire. In breve, divenne nodo fondamentale per l’esercito, il commercio e la cultura.

Passeggiando, noterete senz’altro le rovine del Palazzo imperiale romano, voluto da Galerio, che scelse Tessalonica come seconda capitale del suo impero..

The city, dedicated to the Queen Thessalonica, sister of Alexander the Great, was founded in the fourth century. BC, by Cassander The Macedonia, her king consort.

Its strategic location, along the route from Europe to Asia, has facilitated its growth and development.

There are many Roman ruins that occupy large areas of the city. The Romans, in fact, caught immediately the high potential that the city and its location could offer. In short, it became a fundamental base for the army, trade and culture.

Walking around, you will notice the ruins of the Roman Imperial Palace, built by Galerius, who chose Thessaloniki as the second capital of his empire ..

grecia_salonicco_viaggiandovaldi

….l’Arco di Galerio, eretto nel 297 , per celebrare la vittoria contro il re persiano  Narsete, uno dei monumenti più antichi della città…

… The Arch of Galerius, built in 297, to celebrate the victory against the Persian king Narses, one of the oldest monuments of the city …

grecia_salonicco_viaggiandovaldi

… e i resti di un antico anfiteatro.

… and the remains of an ancient amphitheater..

grecia_salonicco_viaggiandovaldi

Assolutamente da non perdere è la Rotonda di San Giorgio, fatta edificare intorno al 300 da Galerio, con l’idea di farne il suo mausoleo. Altre ipotesi ritengono, invece, che la struttura fosse stata edificata come tempio da dedicare a Zeus.

Not to be missed, is the Rotunda of St. George, which was built around 300 by Galerius, with the idea of making  his mausoleum. Other hypotheses believe, however, that the structure had been built as a temple to be dedicated to Zeus.

Rotonda di San Giorgio_Salonicco_viaggiandovaldi

L’edificio, negli anni, subì diverse trasformazioni: nell’epoca bizantina, l’imperatore Teodosio il Grande lo trasformò nella Chiesa di San Giorgio, decorandola con bellissimi mosaici. A seguire, i turchi ne fecero una moschea (al momento della nostra visita era in restauro).

The building, over the years, underwent several transformations: in the Byzantine era, the emperor Theodosius the Great converted it in the Church of San Giorgio, decorating it with beautiful mosaics. Afterwards, the Turks turned it into a mosque (at the time of our visit was being restored).

Rotonda di San Giorgio_Salonicco_viaggiandovaldi

In cima alla città (Ano Poli – città alta)  si erge la fortezza (Kastra) che domina l’intera Salonicco.

On top of the city (Ano Poli – Upper Town) stands the fortress (Kastra) overlooking the entire Thessaloniki.

Kastra_AnoPoli_ Salonicco_viaggiandovaldi

Kastra_AnoPoli_ Salonicco_viaggiandovaldi

Oggi, racchiude al suo interno un vero e proprio quartiere. Subito dentro le mura, abbiamo mangiato una delle insalate greche migliori di tutta la vacanza!

Today contains within it a real neighborhood. Immediately inside the walls, we ate one of the best Greek salads of all holiday!

Kastra_AnoPoli_ Salonicco_viaggiandovaldi

Si tratta dell’area più antica della città, che potrete ammirare interamente dai diversi punti panoramici! Passeggiate per i suoi vicoli e noterete ancora le case di un tempo, quelle scampate all’incendio del 1917.

It is the oldest area of the city, which can be viewed entirely from the different viewpoints! Walking through its narrow streets, you will notice the houses of the past, those that survived the fire of 1917.

Kastra_AnoPoli_ Salonicco_viaggiandovaldi Kastra_AnoPoli_ Salonicco_viaggiandovaldi

Kastra_AnoPoli_ Salonicco_viaggiandovaldi Kastra_AnoPoli_ Salonicco_viaggiandovaldi Kastra_AnoPoli_ Salonicco_viaggiandovaldi

Salonicco è piena di chiese bizantine e paleocristiane.

Agios Dimitrios è la chiesa principale della città, quella del suo patrono.

Thessaloniki is full of Byzantine and early Christian churches.

Agios Dimitrios is the main church of the city, that of his patron.

Agios Dimitrios_Salonicco_viaggiandovaldi

Agios Dimitrios_Salonicco_viaggiandovaldi

Agios Dimitrios_Salonicco_viaggiandovaldi

Chiesa ortodossa, fu ricostruita dopo l’incendio del 1917 che distrusse quasi tutta la città.

Orthodox church was rebuilt after the fire of 1917 that destroyed almost the entire city.

Agios Dimitrios_Salonicco_viaggiandovaldi Agios Dimitrios_Salonicco_viaggiandovaldiE’ una delle chiese più grandi della Grecia; nella sua cripta sono conservate le reliquie di San Demetrio, motivo di pellegrinaggio di molti fedeli, ed i resti di alcune terme romane, perfettamente conservate.

It’s one of the largest churches in Greece; in its crypt are preserved the relics of St. Demetrius, pilgrimage reason for many of the faithful, and the remains of Roman baths, perfectly preserved.

Agios Dimitrios_Salonicco_viaggiandovaldi

Agios Dimitrios_Salonicco_viaggiandovaldi

Una visita merita anche Ayia Sofia, risalente all’VIII secolo, il cui interno è decorato con importanti mosaici. Anch’essa è una delle chiese più antiche della città e Patrimonio dell’UNESCO.

Also worth a visit Agia Sophia, dating from the eighteenth century, whose interior is decorated with important mosaics. Also it is one of the oldest churches in the city and a UNESCO World Heritage Site.

Ayia Sofia, Salonicco, viaggiandovaldi

Ayia Sofia, Salonicco, viaggiandovaldi

Prima di lasciare la città, fatevi una passeggiata sul lungomare, pieno di bar e localetti dove fermarsi ed ammirare il panorama… è molto bello.

Before leaving the city, take a walk on the waterfront, filled with bars and clubs where to stop and admire the view … it is very nice.

Salonicco_viaggiandovaldi

Soddisfatti della nostra prima tappa, ripartiamo….destinazione Meteore!

Satisfied of our first stop, we left Salonicco, directed to the Meteors!

viaggiandovaldi_greece

Lungo la strada, in direzione di Larisa, pochi chilometri prima, ci fermiamo nella Valle dei Tembi, una bellissima gola formata dal fiume Pinios.

Along the way, in the direction of Larisa, few kilometers before, we stop in the Valley of Tembi, a beautiful gorge formed by the River Pinios.

IMG_4756

Il panorama è davvero suggestivo, la luce ed i colori della natura affascinanti. Dalla strada non si percepisce affatto il fascino di questo posto. Una sosta vale la pena farla.

The landscape is really impressive, the light and colors of the nature are fascinating. From the road, you can’t perceive the charm of this place. A stop worth it.

IMG_4798

IMG_4790

Superato un ponticello, troverete davanti a voi la duecentesca chiesa di Agia Paraskevì e una fonte di acqua pura.

Crossed a bridge, you will find before you the thirteenth century church of Agia Paraskevi, and a pure water source.

Agia Paraskevì _greece_viaggiandovaldi

IMG_4777

Finalmente, dopo 3 ore abbondanti di macchina, arriviamo alle Meteore e la fatica viene subito ripagata da una vista mozzafiato.

Finally, after 3 hour drive, we arrive at the Meteors and the effort is immediately rewarded by a breathtaking view.

meteore_greece_viaggiandovaldi

Neanche a farlo apposta arriviamo poco prima del tramonto, giusto in tempo per raggiungere uno dei punti panoramici ed ammirare le meteore nel loro massimo splendore. Su consiglio del proprietario del nostro b&b, scegliamo il punto tra Rossanou e S. Stefanos. Come “benvenuto” non è male!

Unwittingly we arrived before sunset, just in time to  admire the meteors in their full beauty. On the advice of the owner of our b & b, we choose the one between Rossanou and St. Stefanos. As “welcome” is not bad!

Meteore_greece_viaggiandovaldi

Passiamo qui una notte, a Kastraki, in un piccolo albergo proprio proprio ai piedi delle meteore.

La mattina successiva partiamo alla scoperta di questi affascinanti, quasi surreali, monasteri.

Ognuno, arroccato sulla sua roccia, vi lascerà senza fiato…è un’esperienza davvero molto molto bella.

Letteralmente dal greco  “META'” – “in mezzo a” e “AER” – “aria”, e quindi “in mezzo all’aria”. Sono queste le parole che descrivono in maniera eccellente questi monasteri arroccati in cima ad enormi falesie di arenaria, oggi recuperati, dopo molti anni di abbandono.

We spend one night there, in Kastraki,  in a small hotel right at the foot of the meteors.

The next morning we start to discover these fascinating, almost surreal, monasteries.

Eachone, perched on its rock, will leave you breathless … is a really very very beautiful.

Literally from the greek “META ” “among” and “AER” “air” – in the middle of the air.” These are the words that describe excellently these perched monasteries on top of huge sandstone cliffs, now recovered after many years of neglect.

Meteore_greece_viaggiandovaldi

Sono 6 quelli visitabili ed attualmente abitati:

Agios Nikolaos (St. Nicholas)
Agios Stefanos (Santo Stéfano)
Aghia Triada (Holy Trinity)
Great Meteora, or Monastery of the Transfiguration
Roussanou, or Santa Barbara
Varlaam

Li visitiamo praticamente tutti, eccetto Agios Stefanos  che era chiuso. L’ingresso è per ognuno di 3€.

Rinomata meta turistica e dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, questa zona della Grecia continentale, si trova nella pianura della Tessaglia, nella parte nord occidentale del Paese.

Va detto che nonostante sia una delle località più visitate, piena di turisti, questa sorta di “sospensione” vi farà distogliere dal contorno, permettendovi di ammirare il fascino del luogo.

In tutti i monasteri è presente una chiesa principale spesso interamente dipinta, con affreschi davvero meravigliosi (nella maggior parte non è possibile fare foto, quindi provare x credere!!!).

You can visit six monasteries, all inhabited:

Agios Nikolaos (St. Nicholas)
Agios Stefanos (Santo Stéfano)
Aghia Triada (Holy Trinity)
Great Meteora, or Monastery of the Transfiguration
Roussanou, or Santa Barbara
Varlaam

We visit all of them , except Agios Stefanos which was closed. The ticket is 3 euro for each one .

Renowned tourist destination and UNESCO World Heritage Site, this area of mainland Greece, is located on the plain of Thessaly, in the north west of the country.

It must be said that despite being one of the most visited places, full of tourists, this kind of “suspension” will allow you to admire the charm of the place.

In all the monasteries there is a main church often entirely painted with truly marvelous frescoes (often you can not take pictures).

Meteore_greece_viaggiandovaldi

Noi li abbiamo visitati tutti in una mattinata. La cosa è fattibile se avete la vostra auto, la strada che li collega è buona e le distanze sono minime. Controllate solo gli orari e i giorni di chiusura.

Il nostro tour inizia dal Sacro Monastero della Grande Meteora, il più grande, risalente al 1300 e, a seguire, tutti gli altri.

We visited all of them in one morning. It is feasible if you have your car, the road that connects them is good and the distances are minimal. Only checked times and closing days.

Our tour starts from the Holy Monastery of Great Meteora, the greatest, dating back to 1300 and, then, all the others.

Meteore_greece_viaggiandovaldi Meteore_greece_viaggiandovaldi

Meteore_greece_viaggiandovaldi

 agios nikolaos

IMG_4854

meteore_grecia_viaggiandovaldimeteore_grecia_viaggiandovaldi meteore_grecia_viaggiandovaldi meteore_grecia_viaggiandovaldi
Soddisfatti, a malincuore lasciamo la Tessaglia per raggiungere Delfi.

In macchina, facciamo tutta una tirata, e ci impieghiamo 3 orette e mezza.

Quando arriviamo anche questa volta è l’ora del tramonto, perfetta per visitare il sito al fresco, e senza troppa gente (il sito chiude alle 20:00).

Senza neanche fermarci in hotel, andiamo subito a fare i biglietti ed entriamo. L’ingresso costa 9 € ed è comprensivo del museo. Se non si fa in tempo a visitare tutto nella stessa giornata, potete utilizzarlo anche il giorno dopo. Noi abbiamo fatto così.

Satisfied, reluctantly we left Thessaly to reach Delphi.
By car, without stops, we arrived after 3 hours.
When we get, is the sunset time, perfect to visit the site, with fresh air, and with few people (the site closes è 8 p.m.). 
Without even stopping at the hotel, we went directly to make the tickets and we entered. The ticket costs € 9 and includes the museum. If you do not have time to visit all in the same day, you can also use it the next day. We have done so.

Delfi_greece_viaggiandovaldi

Alle pendici del Parnaso, nella Grecia centrale, a 600 m di altitudine, Delfi, un tempo considerata “ombellico del mondo”, si conserva in tutto il suo splendore. Fu Zeus ad identificarla come il centro della terra, facendo partire contemporaneamente due aquile dalle estremità del mondo orientale ed occidentale.  Esse si incontrarono a Delfi.

Luogo sacro di culto del Dio Apollo e del famoso oracolo, è sicuramente uno dei più importanti centri religiosi dell’antichità.

Tra il VI e il IV sec. a.C. raggiunse il suo massimo splendore, grazie ai numerosissimi pellegrini che vi si recavano per consultare l’oracolo.

I vaticini della Pizia, la sacerdotessa che riferiva gli oracoli, riportavano la volontà del Dio stesso. Ella, seduta sul tripode, cadeva in estasi ed emetteva suoni e movimenti che venivano poi interpretati dai sacerdoti.

I responsi dell’oracolo esercitavano una grande influenza sulla vita politica e intellettuale dell’antica Grecia, determinando decisioni come guerre e colonizzazioni.

Il sito archeologico si sviluppa essenzialmente lungo la Via sacra, lungo la quale troverete resti di templi, altari, colonne, i thesauroi votivi delle città greche, come quello degli Ateniesi, ben conservato.

On the slopes of Parnassus, in central Greece, 600 m altitude, Delphi, once regarded as “navel of the world”, is preserved in all its splendor. Zeus was to identify it as the center of the earth, by starting at the same time two eagles from the ends of the Eastern and Western world. They met at Delphi.

Sacred place of worship of the god Apollo and the famous oracle, is definitely one of the most important religious centers of antiquity.

Between the sixth and fourth centuries B.C. it reached its maximum splendor, thanks to the many pilgrims who went to consult the oracle.

The prophecies of Pythia, the priestess who reported the oracles, reported the will of God himself. She sitting on the tripod, fell into ecstasy , making sounds and movements which were then interpreted by the priests.

The responses of the oracle had a great influence on the political and intellectual life of ancient Greece, leading to decisions such as wars and colonizations.

The archaeological site is developed mainly along the Sacred Way, along which you will find the remains of temples, altars, columns, votive thesauroi of Greek cities, such as that of the Athenians, well preserved.

Delfi_greece_viaggiandovaldi Delfi_greece_viaggiandovaldi Delfi_greece_viaggiandovaldi

Tesoro degli Ateniesi

Tesoro degli Ateniesi

Ovviamente non mancano i resti del Tempio di Apollo, lo splendido teatro, e  lo stadio dove si svolgevano,  ogni quattro anni ,  i giochi pitici, dal nome della Pizia che pronunciava gli oracoli. Questi giochi  seguivano di tre anni l’Olimpiade.

Obviously, there are the remains of the Temple of Apollo, the beautiful theater, and the stadium where they carried out every four years, the Pythian games, named as the Pythia who pronounced oracles. These games followed by three years the Olympics.

Delfi_greece_viaggiandovaldi

Tempio di Apollo

Tempio di Apollo

teatro

teatro

stadio

stadio

Un po’ più a valle, trovate il bel santuario di Atena Pronaia  e la Tholos rotonda, parzialmente ricostruita, con un peristilio di venti colonne doriche.

A bit ‘further down, there is the beautiful sanctuary of Athena Pronaia and the round Tholos, partially rebuilt, with a peristyle of twenty Doric columns.

Delfi_greece_viaggiandovaldi Delfi_greece_viaggiandovaldi Delfi_greece_viaggiandovaldi

Non dimenticatevi di visitare il Museo che integra la conoscenza del sito; in esso sono raccolti i reperti rivenuti e che raccontano la storia di Delfi e dell’antichità.

Noi lo abbiamo visitato la mattina successiva, prima di rimetterci in marcia.

La notte abbiamo deciso di non fermarci a Delfi ma ad Arahova, un delizioso paesino di montagna, meta sciistica rinomata.

La scelta è stata vincente, siamo stati benissimo. A poca distanza da Delfi, si esce dal circuito turistico e si gode di un paesaggio diverso, più fresco vista l’altezza, e molto accogliente. Si tratta del classico paesino di montagna che d’estate acquista un fascino particolare. Abbiamo cenato nella taverna proprio sulla piazza…se ci capitate prendetevi i lamb chops, divini!

Do not forget to visit the museum that integrates the knowledge of the site; in it, are collected the finds which telling the history of Delphi and antiquity.

We visited it the following morning, before you leaving Delphi.

The night we decided not to stop in Delphi but to Arahova, a charming little mountain village, a popular ski destination.

The choice was great. A short distance from Delphi, faraway from the tourist circuit, it offers a different landscape, fresher thanks to the height, and very welcoming. This is a classic mountain village that in summer takes on a special charm. We had dinner in the taverna on the square … if you go there, take the lamb chops, delicious!

Arachova_Delfi_viaggiandovaldi Arachova_Delfi_viaggiandovaldi Arachova_Delfi_viaggiandovaldi Arachova_Delfi_viaggiandovaldi Arachova_Delfi_viaggiandovaldi Arachova_Delfi_viaggiandovaldi

Dopo il museo ci rimettiamo in marcia per raggiungere il Peloponneso.

Per farlo, ovviamente, passiamo per Patrasso, attraverso il lungo ponte che collega le due parti della Grecia. Prima, a pranzo, ci fermiamo a 12 km prima di Lepanto (oggi Nafpaktos), a Monastiraki, in un paesino delizioso dove vi consigliamo di mangiare il pesce in uno dei ristorantini sul porticciolo…ottimi ed economici.

After the museum, we left Delphi and we drove, 2 hours, to reach the Peloponnese.

To do this, of course, we passed to Patras, through the long bridge that connects the two parts of Greece. Before, at lunch, we stoped to 12 km before Lepanto (Nafpaktos today), in Monastiraki, in a charming village where we recommend to eat fish at one of the restaurants on the harbor … excellent and cheap.

greece_viaggiandovaldi greece_viaggiandovaldi greece_viaggiandovaldi

continua….ci vediamo nel Peloponneso!

to be continued….We’ll see you in the Peloponnese!

 

Questa voce è stata pubblicata in Viaggiando... e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...