Il nostro Salento…2°parte

ValDi

La vacanza continua….
The holiday continues…
Santa Maria di Leuca è stata la tappa successiva.
Vi consigliamo di affittare una barchina e visitare le tante grotte che si trovano lungo la costa. Ce ne sono circa una trentina, tutte di origine carsica.
Santa Maria di Leuca was the next step.
We suggest you to rent a small boat and to visit the many caves, about thirty,  located along the coast, all of karst origin.
Le dimensioni sono diverse, solo in quelle più ampie vi sarà permesso entrare con la barca..potendo così ammirare le acque verdi in cui si rifrange la luce del sole che penetra tra le aperture scavate dalle mareggiate, creando suggestioni uniche. In alcune troverete anche una serie di reperti neolitici.
The sizes are differents, only in the larger will be allowed to enter by boat where you can admire green water in which refracts the sunlight that penetrates between the openings excavated from storm surges, creating amazing situations. In some of them, there are also some of Neolithic finds.
Tra le più note: la grotta del diavolo, la grotta della porcinara..e la grotta degli innamorati.
The best known are: the devil’s cave, the cave of Porcinara .. and the cave of lovers.

La Grotta degli Innnamorati- the cave of lovers

Quest’ultima ad un primo sguardo  vi sembrerà non accessibile. La barchina, invece, vi lascerà poco distanti e vi sarà possibile entrarvi a nuoto.
Se c’è bassa marea, noterete al suo interno anche una spiaggetta, molto romantica!!
Se una volta finita la gita in barca volete continuare a godervi il mare, a Marina ci sono una serie di scogli dove potrete rilassarvi. Prima di lasciare Marina, date un’occhiata alla Chiesa del Re.
At first, the cave of lovers will seem not accessible. The small boat, however, will leave you near the cave and you will be able to swim in it.
If there is low tide, you’ll see within it a small beach, very romantic!
If after finishing the boat trip you want to continue to enjoy the sea, at Marina there are a number of rocks where you can relax. Before leaving Marina, take a look at the Church of the King.
Santa Maria di Leuca è ovviamente nota anche per il suo santuario: la Basilica “De Finibus Terrae” così chiamato dai romani che aggiunsero all’originario appellativo leucos, dato dai greci per via della bianca terra e per sottolineare che era sempre baciata dal sole, il nome di “De Finibus Terrae”, che sta a significare “Alla fine della terra”.
Santa Maria di Leuca is also famous for its shrine, the Basilica “De Finibus Terrae”, so named by the Romans who added, to the original name given by the Greek, Leucos, because of the white earth, the name of “De Finibus Terrae”, which means “at the end of the earth.”

Basilica "De Finibus Terrae" - Santa Maria di Leuca

Il Santuario è situato in cima al promontorio japigeo dal quale scorgerete tutta la costa, godendo di una vista unica.
The Sanctuary is located on the japigeo promontory from which you will see the coast, enjoying a unique view.
In origine si trattava di un tempio pagano dedicato alla dea Minerva. Secondo la tradizione, quando l’apostolo Pietro, proveniente dalla Palestina,  arrivò a Leuca, prima di proseguire per Roma, fece convertire al cristianesimo gli abitanti della zona. Questo provocò la cristianizzazione dell’originario tempio pagano che fu successivamente dedicato al Salvatore. Più tardi i Leuchesi, per devozione, lo intitolarono a Santa Maria.
La basilica, negli anni a seguire, fu ricostruita parecchie volte a seguito della furia dei turchi che mettevano continuamente in pericolo la città.
Nel piazzale su cui sorge la Basilica, rivolta verso la Marina, sorge la Croce monumentale eretta nel 1901 in occasione dell’Anno Santo.
This was originally a pagan temple dedicated to the goddess Minerva. According to tradition, when the apostle Peter, coming from Palestine, came to Leuca, before continuing on to Rome, he converted all the inhabitans of the area to Christianity. This led to the Christianization of the original pagan temple that was later dedicated to the Savior. Then the Leuchesi dedicated it to the Santa Maria.
In later years, the Basilica,  was rebuilt several times due to the fury of the Turks.
In the square on which stands the Basilica, there is the monumental cross, erected in 1901 for the Holy Year.

Croce monumentale

Sul viale che porta alla chiesa c’è poi la croce pietrina a testimonianza del passaggio di San Pietro.
On the boulevard leading to the church there is also a cross as testimony of  the passage of St. Peter.

Croce pietrina

Affacciatevi anche a vedere la cascata monumentale, inaugurata nel 1939 e costituita da due rampe di scale ognuna di 300 gradini che collegano il Santuario con il porto vecchio. Separate da una cascata artificiale, le due scalinate risalgono al periodo fascista  e vennero fatte costruire in occasione delle opere terminali dell’Acquedotto. A piedi delle scale si eleva la colonna romana del 1939.
You can also admire the monumental waterfall, opened in 1939. It consists of two flights of stairs each of 300 steps that connect the sanctuary with the old port.  At the foot of the stairs, stands the Roman column of 1939.

cascata monumentale

Sul piazzale, accanto alla basilica noterete anche il Faro, situato sulla Punta Melisio, attivo dal 1866. È alto 47 metri e la sua luce si propaga per ben 50 km.
On the square, next to the Basilica, you will also notice the Lighthouse, located on the Punta Melisi. It is active since 1866, it is 47 meters high and its light travels for 50 km.

Santa Maria di Leuca è famosa anche per le sue meravigliose ville ottocentesche. Fateci caso lungo la strada!
Santa Maria di Leuca is also famous for its beautiful nineteenth-century villas. Look at them on the road!
Continuando sempre sullo stesso versante, il giorno seguente è stata la volta di Castro.
Continuing on the same side, the next day, we choose Castro.
Collocata su un promontorio a 98 m sul livello del mare, offre un’acqua meravigliosa. Unica pecca è che la maggior parte degli accessi al mare sono da piattaforme di cemento, spesso private.
Ce ne sono ovviamente anche di libere… Noi ne abbiamo trovata una molto tranquilla…è stato rilassante, il mare uno spettacolo!
Located on a promontory 98 m above sea level, Castro offers a wonderful sea. The only flaw is that the most access to the sea are from platforms which are often private.
There are also the free ones, of course … We have found one of them,  very quiet … it was relaxing and the sea a show!
Poco distante da Castro, lungo il litorale,  c’ è la Grotta della Zinzulusa.
Not far from Castro, along the coast, there is the Cave of Zinzulusa.

Grotta della Zinzulusa

Tale appellativo deriva dal termine dialettale “zinzuli“, che significa: stracci. Le formazioni carsiche hanno dato vita ad una serie di stalattiti che, pendendo dal soffitto, richiamano l’idea degli stracci appesi.
Guardate un po’!!!
This name derives from the dialect word “Zinzula”, which means rags. The formations karstic have given rise to a series of stalactites, hanging from the ceiling, recalling the idea of hanging rags.
Have a look!
Nei pressi di Lecce, si trova anche la spiaggia di Torre Chianca, molto tranquilla, e soprattutto selvaggia, ideale per un po’ di relax.
Noi ci abbiamo fatto un salto..
La torre cinquecentesca, da cui prende il nome, è alta 18 m e fu fatta costruire dagli spagnoli per difendere il salento dall’attacco dei saraceni.
Near Lecce, there is also the beach of Torre Chianca, very quiet, and, above all, very wild, ideal for relax.
We went there…
The sixteenth-century tower, from which takes its name, is 18 meters high and it was built by the Spanish to defend the Salento from the attack of the Saracens.

spiaggia di Torre Chianca

 Orientandoci, invece, lungo la provinciale 358, nei pressi di Otranto, abbiamo scelto di trascorre una mattinata a Porto Badisco, che si è rivelata essere una piacevolissima spiaggia…inutile descrivervi lo splendore dell’acqua.
Directed, however, on the provincial road 358, near Otranto, we chose to spend a morning in Porto Badisco, which proved to be a pleasant beach … unuseful to describe the beautiful  water.

Porto Badisco

Questa località si caratterizza per l’elevata presenza di calette dovute alla morfologia del territorio….trovatevi quella più adatatta a voi e passerete una bellissima giornata.
Se vi piace tuffarvi, Porto Badisco fa proprio per voi!
This town is characterized by the presence of high bays caused by the morphology of the territory …. you can choose your favourite bay and spend a beautiful day.
 If you like to swim, Porto Badisco is for you! 
In prossimità del porto c’è anche una piccola lingua di sabbia che facilita l’accesso al mare…per il resto vi toccherà arrampicarvi.
Il pomeriggio, inevitabilmente, è stato dedicato ad Otranto che è meravigliosa…ve ne accorgerete… e vi accoglierà in tutto il suo splendore.
Near the port there is a small spit of sand, which facilitates access to the sea.
The afternoon, inevitably, has been dedicated to Otranto which is wonderful …

Otranto

È il comune più orientale dell’Italia, e si sviluppa tutto intorno al castello e alla cattedrale normanna.
In passato fu prima  centro messapico e romano, bizantino e successivamente aragonese. Ha dato il suo nome al Canale di Otranto che separa l’Italia dall’Albania.  Il suo borgo antico è stato dichiarato dall’Unesco patrimonio testimone di una cultura di pace.
It is the easternmost town of Italy, which is developed all around the castle and the Norman cathedral.
In the past it was first a Messapian and Roman, Byzantine and aragonese later. He gave his name to the Otranto Channel, which separates Italy from Albania. Its old town was declared a world heritage site by the Unesco as a witness to a culture of peace.

cattedrale

Visitate la cattedrale,consacrata nel 1088 fu edificata sui resti di una domus romana, di un villaggio messapico e di un tempio paleocristiano. Al suo interno non potrete non notare il pavimento mosaico, in tessere policrome di calcare locale durissimo,  eseguito tra il 1163 e il 1166.
Visit the cathedral, consecrated in 1088; it was built on the ruins of a Roman house, a village and a Messapian early Christian temple. Within it you will notice the floor mosaic in the local hard limestone polychrome tiles, painted between 1163 and 1166.
La cattedrale è nota anche per i sette armadi situati nell’abside della  navata di destra al’interno dei quali vengono conservate le ossa dei beati Martiri di Otranto. Si tratta dei  resti di circa ottocento cittadini sgozzati dai Turchi sul Colle di Minerva il 14 agosto 1480, per non aver voluto rinnegare la fede cristiana.
The cathedral is also famous for the seven cabinets, located in the apse of the nave on the right inside, in which are preserved the bones of the Blessed Martyrs of Otranto. They  are the remains of about eight hundred people slaughtered by the Turks on the Hill of Minerva, on August 14, 1480, for having refused to renounce their Christian faith.  
“Città-martire”, così viene anche chiamata Otranto a seguito di tale evento. Sul retro dell’altare potrete anche scorgere la pietra utilizzata dai Turchi per il martirio.
 Non dimenticate di visitare anche la cripta, risalente al  XI secolo.
Il castello aragonese, da antica roccaforte ai tempi delle note contrapposizioni tra oriente ed occidente, è, oggi, un esclusivo contenitore di arte e cultura, all’interno del quale vengono allestiti diversi  laboratori didattici.
Otranto, following this event, is also called “City-martyr”.
On the back of the altar, you can also see the stone used by the Turks for the martyrdom.
 Do not you forget to visit the crypt, dating from the eleventh century.
 The Aragonese castle, an ancient stronghold, is today an exclusive container of art and culture, within which are set up various educational workshops.
castello aragonese
Venne fatto costruire da Alfonso d’Aragona tra il 1485 e il 1498  e presenta una forma pentagonale con tre torri. Per metà è poi circondato da un fossato. Sul portone spicca maestoso lo stemma di Carlo V.
Entusiaste ed affascinate dal luogo, abbiamo deciso di fermarci anche per cena…prima però abbiamo fatto due piccole deviazioni che sono state una fantastica sorpresa…tutto merito di Mimmo…una guida insostituibile!!
The castle was built by Alfonso of Aragon between 1485 and 1498, and has a pentagonal shape with three towers. A part of it is surrounded by a moat. On the door, stands the majestic crest of Charles V.
Excited and fascinated by the place, we decided to stop there for dinner … but first we made ​​two small deviations that were a fantastic surprise … all thanks to Mimmo … a guide invaluable!!

ValDi e Mimmo

Seguiteci….
Follow us…
ex cava di bauxite
Quanto ce la siamo trovata davanti, siamo rimaste a bocca aperta..tra lo stupore e l’incanto!
A pochi km da Otranto si trova questa ex cava di bauxite, inutilizzata dal 1976, e all’interno della quale, grazie alle infiltrazioni di una falda acquifera sotterranea, si è creato un laghetto che ha preso il colore verde per via della presenza del minerale.
When we saw it, we remained open-mouthed!
Few kilometers far from Otranto, there is this former quarry of bauxite, unused since 1976, in which the infiltrations of groundwater aquifer has created a lake that has taken the green color, due to the presence of the mineral .
Le pareti della cava hanno invece un colore rosso intenso, che in contrasto con il verde smeraldo, lo rendono ancora più acceso.
The walls of the quarry have taken on a reddish color instead, that in contrast with the emerald green creats a woderfull show!
È un posto magico, dove il gioco di colori  rende tutto surreale.
Poco distante, proseguendo lungo la strada, abbiamo raggiunto un altro posto incantevole…
It is a magical place, where the play of colors makes everything surreal.
 Not far away, continuing along the road, we reached another lovely place …

Faro di Punta Palascia

Il Faro di Punta Palascia, eretto nel 1867, è il punto più ad oriente dell’Italia ( fate caso al telefonino che prenderà come se foste in Albania).
Circondato da un paesaggio selvaggio, si può raggiungere percorrendo un’antica mulattiera.
The Lighthouse of Punta Palascia, erected in 1867, is the highest point east of Italy. Surrounded by a wild landscape, can be reached along an ancient mule track.
È molto emozionante, godrete di una vista spettacolare…il colore bianco del faro contrasta in maniera affascinante con il blu del mare..il silenzio che circonda la scena, poi, vi emozionerà.
It is very exciting, you will enjoy a spectacular view … the white color of lighthouse contrasts charmingly with the blue of the sea .. the silence that surrounds the scene is very exciting.
Si dice che questo sia il punto di separazione tra il Mar Ionio ed il Mar Adriatico.
This is the point of separation between the Ionian and Adriatic Sea.
Ritorniamo, come promesso, alla nostra cena ad Otranto…con noi, questa volta, c’era anche Chiara.
As promised, we returned to Otranto for our dinner …
This time, there was also Chiara with us!

ValDi + Chiara

La serata si è conclusa alla festa del Fico d’India…(nel primo post i dettagli del locale).
The evening ended at the party of Fico d’India …(in the first post we talked about it).
fino all’alba…
L’ultima spiaggia del 2010 è stata senza dubbio una delle più belle e suggestive di tutta la vacanza: Roca, nel comune di Melendugno, sul versante adriatico, a nord di Torre dell’Orso.
The last beach of 2010 was undoubtedly one of the most beautiful: Roca, in the municipality of Melendugno, on the Adriatic coast, north of Bear Tower.

spiaggia di Roca

Rimarrete affascinati dal mare cristallino e dalle piccole spiaggette scavate tra le numerose insenature…se cercate e vi avventurate nel modo giust,o potrete trovare scenari molto suggestivi.
You will be fascinated by the clear water and by the small beaches which are located between many creeks … if you are adventurous, you can find very suggestive scenarios.
(scusate per le foto ma proprio quel giorno si è rotta la macchinetta…ci tenevamo comunque a rendere l’idea!)
(sorry for the photos but that day, the machine has broken … we wanted to make the idea anyway!)
Alzando lo sguardo poi, fate attenzione al sito archeologico, sul promontorio sul mare. Gli scavi hanno riportato alla luce un imponente sistema di fortificazioni risalenti all’età del bronzo, oltre a numerosi reperti.
 Chiaramente ci siamo fermate al volo anche a Torre dell’Orso, nota per la sua ampia spiaggia di sabbia finissima, spesso dichiarata bandiera blu!
Have a look up and pay your attention to the archaeological site, on the promontory overlooking the sea. Excavations have unearthed a massive system of fortifications from the Bronze Age, as well as numerous artifacts.
  Clearly we also stopped to visit Tower of the Bear, known for its wide beach of fine sand, often declared blue flag!

Torre dell'Orso

L’ultima spiaggia di quest’anno è stata, invece, quella di Torre Guaceto, un’oasi raccolta all’interno della Riserva naturale statale Torre Guaceto.
The last beach of this year has been, instead, Torre Guaceto located within the State Nature Reserve Torre Guaceto.

Torre Guaceto

Abbiamo scelto questa spiaggia perché sulla via del ritorno verso Roma, essa infatti si trova lungo la statale adriatica in direzione di Brindisi.
La spiaggia è molto bella, tranquilla e decisamente selvaggia. La sensazione che si ha è quella di un contatto diretto con la natura…(andate in fondo, lontano dagli stabilimenti…).
We chose this beach because it was on the way back to Rome, in fact it is located along the Adriatic highway in the direction of Brindisi.
 The beach is very beautiful, quite and largely untouched. The feeling you have is that of a direct contact with nature … (go to the bottom, away from the umbrellas and beds …).

Purtroppo la vacanza è finita….il Salento ci è rimasto nel cuore e abbiamo deciso che ci faremo tappa ogni estate…giusto qualche giorno…per non dimenticarne l’essenza!
Prima di arrivare a Roma, però, abbiamo fatto tappa nei pressi di Bari ( casualmente abbiamo due amiche che abitano in due paesi vicini, Camilla e Luisa).
Unfortunately, the holiday is over …. the Salento has remained in our heart and we decided that we will spend there a few days every summer … to not to forget the essence!
 Before arriving in Rome, however, we made ​​a stop near Bari ( we have two friends who live in two neighboring countries, Camilla and Luisa).
 Camilla, Luisa e ValDi
L’occasione è stata quella giusta per salutarle, passare un po’ di tempo insieme…e cenare a Sammichele…ovviamente assaggiando tutte le prelibatezze del posto. Le specialità sono a base di carne, provate la zampina che merita davvero!!!!
The occasion was the right one to greet them, spend some time together … and of course … have a dinner in Sammichele, tasting all the delicacies of the place. The specialties are meat, try the little paw that is very delicious!!
la zampina di Sammichele!!
Alla prossima estate!!!!
See you next summer!!!!

Questa voce è stata pubblicata in Viaggiando... e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...